Ottavio de Carli

Cerca

Vai ai contenuti

Biografia - Curriculum Vitae


Ottavio de Carli, nato a Bologna il 6 giugno 1961 ha trascorso la prima infanzia a Lahore e Lyallpur in Pakistan, poi a Napoli, e si è quindi definitivamente stabilito in Franciacorta, dove tuttora risiede. Dopo il diploma di maturità scientifica e gli studi di pianoforte, si è laureato in Musicologia presso la Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona (Università di Pavia), conseguendo il massimo dei voti e la lode.

Ha collaborato dal 1987 come consulente musicale alle Settimane Musicali di Franciacorta, e nel 1988 ne è divenuto direttore artistico. Nel corso delle diverse stagioni che si sono susseguite, la rassegna ha ospitato artisti di fama internazionale e ha suscitato sempre maggiori consensi di pubblico e di critica, come evidenziato dall’interesse dimostrato dalla stampa.

Dal 1991 al 2013 è stato consigliere della Società dei Concerti di Brescia (fondata nel 1868), per la cui stagione concertistica annuale si è regolarmente impegnato nella redazione dei programmi di sala.

Dal 1993 al 1994 ha lavorato stabilmente nel comitato editoriale della Fondazione-Stichting Pietro Antonio Locatelli di Amsterdam (sede operativa a Cremona), diretta dal Prof. Albert Dunning e finalizzata principalmente alla pubblicazione in edizione critica dell’Opera omnia di Pietro Antonio Locatelli.

Ha pubblicato due volumi di interesse musicologico:
Franco Margola (1908-1992). Catalogo delle opere (Brescia, Fondazione Civiltà Bresciana, 1993; pp. 438) e Franco Margola (1908-1992). Il musicista e la sua opera (Brescia, Fondazione Civiltà Bresciana, 1995; pp. 383). I due volumi hanno notevolmente contribuito a diffondere la musica di Franco Margola nella vita concertistica italiana negli ultimi anni. Direttamente o indirettamente, il lavoro ha contribuito al recupero di molte composizioni inedite, e anche alla pubblicazione di numerosi compact disc, per i quali la collaborazione si è concretizzata nella cura delle note di copertina. Particolare importanza, in questo contesto, è stata la ripresa, a sessant’anni dalla prima rappresentazione, dell’opera Il mito di Caino nella Stagione Lirica 2000 del Teatro Grande di Brescia.

Dal 1990 al 1994 ha collaborato con l’As.Li.Co di Milano come Maestro alle luci nell’allestimento delle opere inserite nel circuito lombardo (Teatri di Brescia, Bergamo, Cremona, Mantova, Como, Novara).

Dal 1995 al 2001 è stato titolare di una cattedra di Storia e Geografia presso il Liceo Scientifico dell’Istituto “A. Luzzago” di Brescia. Presso la Scuola Media del medesimo istituto ha insegnato Educazione Musicale dal 1994 al 1998.

È stato titolare dal 1998 al 2014 di una cattedra di Musica presso il Liceo della Comunicazione ‘Giovanni XXIII’ di Bergamo.

Dal 2003 è titolare di una cattedra di Educazione musicale presso la Scuola media “A. Cosi” di Rovato (Bs).

Dal 1997 è membro della Commissione giudicatrice del Concorso studentesco “Giuseppe Cerri” indetto dal
Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo.

Ha curato testi illustrativi per compact disc editi dalle case discografiche Foné, EMI (collana di sei dischi
La discoteca del suono), Musicom, Bongiovanni, Koch Discover International di Vienna, Mondo Musica, Rainbow e altre.

È membro dell’Associazione musicale ‘Vittorio Gnecchi Ruscone’ di Milano, il cui scopo è di approfondire, promuovere e diffondere la conoscenza delle opere del musicista a cui l’associazione è intitolata.

Dal 1999 al 2004 è stato membro del comitato direttivo dell’
Associazione Mozart Italia di Brescia, istituzione per la quale ha svolto anche attività di conferenziere.

È autore del testo della favola musicale
Il Giardino del Gigante, musicata da Domenico Clapasson per voce recitante, soli, coro di voci bianche e orchestra. La favola, commissionata dal Piccolo Coro di San Bernardino di Chiari è stata incisa in compact disc nel 2001, e presentata con successo presso diversi teatri della Lombardia e della Valle D’Aosta. Le rappresentazioni hanno richiamato un ampio pubblico, che in qualche caso ha raggiunto il migliaio di persone, e particolarmente lusinghiera è stata anche la critica. Attualmente la favola è in repertorio presso diverse compagnie e regolarmente allestita nei teatri italiani.

Dal 2004 è consulente musicologico dell’
Associazione Margola di Brescia, che tra le altre cose organizza regolarmente la rassegna di concerti “Scintille di musica”, stagione finalizzata alla valorizzazione dei musicisti bresciani di ieri e di oggi.

Nell’aprile 2010 è stato invitato come consulente artistico (Artistic Advisor) per il festival “Artosphere”, manifestazione di concerti cameristico-sinfonici organizzata dal Walton Arts Center di Fayetteville (Arkansas, USA).

Nel 2010 ha composto i versi di una seconda favola musicale,
La chiamavan Cappuccetto Rosso, musicata da Domenico Clapasson, incisa in cd e pubblicata dall’Editrice La Scuola di Brescia nel 2010; altre favole musicali sono in lavorazione.

Con l’Editrice La Scuola ha collaborato in qualità di consulente musicologico dal 2010 al 2013. La stessa casa editrice l’ha invitato a collaborare anche per la rivista
Scuola e Didattica.

Nel 2011 ha realizzato in collaborazione con Domenico Clapasson e Luciano Bertoli il cofanetto di 2 dvd
La grande orchestra (ed. La Scuola), dedicato a una presentazione didattica degli strumenti musicali della tradizione colta occidentale.

Nel 2011 ha collaborato alla realizzazione del documentario “Vittorio Gnecchi. Il caso Cassandra”, per la regia di Amerigo Daveri e trasmesso più volte, a partire dal 24 giugno 2011, dal Canale
Classica, in onda sulla piattaforma Sky (Canale 728).

Nel 2011 è stato invitato a far parte del comitato d’onore del Primo Concorso Internazionale di Composizione di Musica Sacra “David Maria Turoldo”

Nel 2013 ha curato l’edizione moderna del volume
Pellegrinaggio di Gierusalemme di Gian Paolo Pesenti, pubblicato per la prima volta a Bergamo nel 1615. La lunga introduzione comprende un’ampia trattazione della storia dei pellegrinaggi in Terrasanta dalle origini fino al XVII secolo. Il volume è stato pubblicato nella collana "Fonti" dell'Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti di Bergamo ("Il Pellegrinaggio di Gierusalemme di Giovanni Paolo Pesenti", Bergamo, Officina dell'Ateneo [Sestante edizioni], 2013).

Nel novembre 2013 è stato eletto membro del Consiglio Direttivo dell'Associazione Archivistico-Genealogica fra i Nobili Milanesi e Lombardi. Nel febbraio 2014 è stato nominato Delegato per la Lombardia presso la Giunta Araldica Centrale, con sede a Roma.

Nel dicembre 2016 ha pubblicato "In guerra per la Croce Rossa. Diari di servizio 1935-1942" (Bolis Edizioni), volume che ripropone i diari delle otto missioni compiute da Elena Pesenti Agliardi come capogruppo delle infermiere volontarie della Croce Rossa tra il 1935 e il 1942, durante le guerre d’Etiopia e di Spagna e il secondo conflitto mondiale (Nord Africa, Albania e Grecia).

Da oltre vent'anni si occupa in particolare di divulgazione musicale e, oltre a scrivere articoli e programmi di sala, tiene corsi di introduzione alla musica e guida all’ascolto presso circoli privati, biblioteche, licei e altri sodalizi (Rotary e Lions Club, Università della libera età, circoli culturali, ecc.) in numerose città italiane.

Da alcuni anni è impegnato in un originale e ambizioso progetto di ricerca storica, riguardante la storia delle principali famiglie bergamasche, iniziativa che ha suscitato il vivo interesse di importanti istituzioni della città orobica (Biblioteca Civica ‘Angelo Mai’, Ateneo di Scienze Lettere ed Arti, Accademia Carrara, Museo Storico, ecc.) nonché della milanese Società Storica Lombarda, che si è impegnata a diffondere on line il materiale raccolto. Si sta inoltre occupando della revisione dell’Archivio Pesenti-Agliardi di Bergamo, contenente un’importante raccolta di documenti familiari degli ultimi otto secoli.

L’enciclopedia Wikipedia sul Web gli ha dedicato una specifica voce, sia in lingua italiana che in lingua inglese.

È sposato con due figli maggiorenni, è di dichiarata religione cattolica e allo stato attuale delle sue ricerche è in grado di dimostrare la diretta discendenza, con ben 782 gradi di parentela, da Carlo Magno, fondatore del Sacro Romano Impero. Tra i suoi diretti antenati, anche cinque pontefici di Santa Romana Chiesa (Innocenzo VIII Cybo, Alessandro VI Borgia, Giulio II Della Rovere, Paolo III Farnese, Gregorio XIII Boncompagni).

Ottavio de Carli - Curriculum 2014 settembre (pdf)


Torna ai contenuti | Torna al menu